Sud Sound System


sudsoundsystem

I Sud Sound System esordiscono discograficamente nel Giugno del 1991 con il 12 pollici ”Fuecu – T’a sciuta bona”, provocando un notevole impatto nel mondo musicale italiano, sia per l’uso del dialetto salentino nel reggae, sia per la freschezza delle trovate musicali e per l’impegno senza retorica dei testi.
Ma la storia del Sud Sound System comincia qualche anno prima, in linea con la tradizione del reggae dance hall giamaicano: due piatti, le casse ed il microfono. Ed e’ così che nascono le prime dance hall per gli amici più intimi, in casa. Presto, però, lo spazio di quell’abitazione non potrà più contenere la gente accorsa numerosa con un semplice passaparola e la situazione si sposterà nelle campagne salentine, tra gli ulivi secolari, i frantoi abbandonati e i 40 gradi d’estate.

La genuinità di ”Fuecu” e ”T’a sciuta bona” farà salire la fama del gruppo ed i concerti nel 1991 saranno veramente numerosi, così come le apparizioni in trasmissioni televisive e radiofoniche, fra le quali ”Avanzi” e Rai Stereo Notte.

E’ dello stesso anno la partecipazione al ”Festival delle Nuove Tendenze d’Autore” a Recanati (anch’esso trasmesso da Rai Stereo Notte).

Nel ’92 escono due 12”: uno con ”Reggae Internazionale” e ”Punnu Ieu”, e l’altro con ”Turcinieddhri” e ”Chiappalu”.

Questi nuovi brani diventeranno subito dei classici richiestissimi nei concerti che intanto si susseguono senza sosta.
L’interesse per il Sud Sound System non sarà circoscritto all’ambito musicale: Renato De Maria, regista bolognese, produce un cortometraggio andato in onda per Rai 3 ed il regista Gianluca Sgalambro realizza per Rai 2 un video trasmesso per la serie ”Effetto Video 8”. Inoltre il S.S.S. nei suoi punti di contatto con la pizzica tarantata, come ”momento rituale catartico, creatore di stati modificati di coscienza”, sarà oggetto di analisi e dibattiti organizzati nelle università italiane dai sociologi George Lapassade e Piero Fumarola.

Tra il 1993 e il 2002 numerosi saranno gli spettacoli dal vivo insieme ad artisti internazionali come Macka B e Mad Professor, Little Owie, Linton Kwesi Johnson, Asher D, Chubby Rankin, Daddy Freddy, Thriller Jenna, Sweete Irie, Echo Minott, Shabba Ranks, Wailers, Anthony B, Sizzla.

Tra il ’93 e il ’94 vari tours li porteranno in giro per l’Europa, toccando Francia, Germania, Svizzera ed Inghilterra.

Nei primi mesi del ’94 esce autoprodotto ”Salento Showcaso’94”, cd-raccolta in cui nuove voci della scena reggae salentina affiancano i S.S.S. L’album otterrà un buon successo e porterà a radicalizzare e diffondere ancor di più il movimento reggae-raggamuffin nella propria terra.

Nel ’96 esce il primo album dei Sud Sound System, “COMU NA PETRA”, che vede la collaborazione di tamburellisti salentini con cui vengono gettate le basi per quel raggamuffin intriso di pizzica, da sempre parte costituente imprescindibile della natura del gruppo e che prenderà forma con i brani ”Afro ragga taranta jazz” e ”Crisce”.

Il CD è doppio, in quanto contiene anche una raccolta che riassume la discografia dal ’91 al ’96 dal titolo ”TRADIZIONE”.
Nell’aprile del 1997 si pubblica un altro prodotto discografico dal nome ”No playback” che contiene brani estratti dall’album ”Comu na petra” remixati da importanti artisti della scena reggae-hip hop e non solo italiana, oltre ad un inedito dei S.S.S. dal titolo ”Mena moi”. Inoltre i djs del Sud Sound System hanno collaborato con sound system italiani , registrando numerosi dub-plates, dischi in copia unica che vengono incisi esclusivamente per essere suonati nelle Dance hall.

Nel giugno 1999 esce l’album “REGGAE PARTY” che ha riscontrato un ottimo successo di critica e di vendite ed e’ presente su Internet ai siti di Vitaminic e Mpx. Sempre nel ‘99 il gruppo è nel cast del film di C. Comencini: ”LIBERATE I PESCI”. A novembre è pubblicata la canzone incisa per la squadra dell’ U.s. Lecce, “Giallurussu”.

Nel 2003 esce l’album “LONTANO”, prodotto dal Sud Sound System, distribuito dalla Sony International, apprezzatissimo dal pubblico e dalla critica e vincitore del Premio Tenco 2003 come miglior lavoro dialettale italiano.

Da quest’album viene estratto il brano “Le radici ca tieni” per la produzione del video, che ottiene un altro grande riconoscimento al lavoro degli artisti salentini: miglior video dell’anno al festival “M.E.I.” di Faenza.

In studio, nel 2004, in contemporanea con la preparazione del nuovo LP dei SSS di prossima uscita, si produce una nuova compilation “FUECU SU FUECU”, pubblicata a giugno, che racchiude “the best of” degli ultimi tre LP dei Sud Sound System oltre a due inediti.

La Salento Sound System si dedica inoltre alla programmazione artistica estiva reggae nel Salento promuovendo la rassegna: “Boom Blast Reggae Nights 2004” inserita nel programma NEGROAMARO della Provincia di Lecce con artisti italiani e stranieri (Villa Ada, Saxon Studio, One Love Hi Pawa, General Levy, Sud Sound System & Bag-a-riddim Band featuring Daddy Freddy) e curando la direzione artistica della rassegna “Reggae Boom Beach Mamanera 2004” giunta ormai alla sua IV edizione (Ciccio Man, Pow Pow Movement, Rodigan, I-Tal Acoustic Sound & Ranking Joe, Sud Sound System, Hot fire & Ghetto Eden, Pier Tosi).

Il Sud Sound System, nel suo tour annuale 2004, grazie al riconoscimento ottenuto sempre nella programmazione Negroamaro della Provincia di Lecce come esempio di vocazione al viaggio che per necessità o scelta appartiene alle genti del Salento, raggiunge alcuni tra i più significativi festival europei (Polonia, Ucraina, Romania, Portogallo, Germania).
Il 2005 si apre con un grande fermento di produzioni musicali, prima fra le tante il nuovo LP firmato SSS “ACQUA PE STA TERRA”, in cui accanto ai cantanti salentini si fondono insieme collaborazioni con artisti internazionali del calibro di Luciano, Chico, Anthony Jonhson, General Levy.

A seguire l’album di Marina, giovane talento femminile reggae salentino ed una produzione “Salento Showcase 2005” per dare voce all’ardente scena reggae pugliese.

Inoltre, nella produzione del cartone animato di Edoardo Bennato i Sud Sound System interpretano il brano “Il topo mangia tutto”, inserito nella colonna sonora del cartoon.

Nell’insert musicale live del programma “ROCK POLITIK” (2005) di Adriano Celentano a RAI 1, i Sud Sound System & Bag a Riddim Band suonano dal vivo “Le radici ca tieni” insieme alla giovane Alessia (voce femminile che introduce “a cappella” il brano ragamuffin).

Due nuove produzioni targate Salento Sound System aprono il 2006: il CD/DVD ”LIVE & DIRECT – SUD SOUND SYSTEM” e l’album d’esordio della giovane MARINA ”COMU PASSIONE”.

 

#HASHTAG: , , , , ,

Stampa Stampa
 

Partner

Naxion Management di Daniela Bonanno - Copyright © 2009-2017, Tutti i diritti riservati

P.IVA: 03253350833

Visitatore n. 930325